Difficoltà emotive e relazionali

Supporto alla genitorialità e percorsi individuali per bambini, ragazzi e adulti per aiutarli ad affrontare difficoltà, periodi stressanti o ansia scolastica.

Quando un bambino o un ragazzo fa di tutto per evitare di fare i compiti, quando lo studio genera troppo spesso sonnolenza o nervosismo, oppure litigi frequenti tra genitori e figli, può essere che non siamo di fronte semplicemente a bambini e ragazzi che non hanno voglia di studiare (o “che non si applicano”), ma a una situazione in cui emozioni, sensazioni e pensieri disturbano in modo eccessivo la concentrazione dell’alunno.

Lo studio è un’attività che richiede molta attenzione e calma e, quando viviamo periodi di forte stress, cambiamento e preoccupazione, può essere molto difficile dedicarsi alla scuola con serenità. Pensate a quando volete leggere qualcosa con calma ma avete appena messo sul fuoco il caffé: non riuscite a rilassarvi e concentrarvi fino in fondo perché avete il pensiero di non dimenticarlo e fare attenzione a non bruciarlo. La stessa cosa accade a una persona che vuole impegnarsi nello studio, ma è sopraffatto da emozioni e preoccupazioni che lo fanno stare continuamente vigile e in allerta. Prima dovrebbe riuscire a ritrovare la calma e poi potremmo ritornare a studiare!

La nostra associazione offre percorsi individuali a bambini, ragazzi e adulti che abbiano bisogno di affrontare queste difficoltà grazie alla guida di uno psicologo che possa sostenere il superamento di un periodo particolarmente difficile o di impasse.
Ci occupiamo di difficoltà relazionali tra pari, bullismo, ansia scolastica, insicurezza e scarsa autostima, tutti aspetti che possono compromettere il benessere psicologico e quindi scolastico.

Oltre a lavorare sul metodo di studio e sulle tecniche di memorizzazione e apprendimento infatti, riteniamo sia molto importante sostenere bambini e ragazzi nella loro autostima, nella sensazione di sicurezza e serenità, aspetti indispensabili per l’apprendimento e l’autonomia nello studio.

Leave a comment