Martina Provenzi

provenziHo conseguito la laurea Magistrale in Psicologia presso l’Università degli studi di Parma. Dopo il percorso universitario mi sono dapprima interessata alle dinamiche relazionali nell’ambito di coppia e del sistema famigliare perfezionando la mia preparazione, durante il tirocinio post-lauream, presso il Centro di Consulenza e Terapia della Famiglia dell’ausl di Parma.

Sto continuando la mia formazione in ambito clinico presso la Scuola di Psicoterapia Biosistemica di Bologna, che propone approccio terapeutico integrato a mediazione corporea per affrontare il disagio a partire dall’unità corpo-mente.

Per completare la formazione sto svolgendo il tirocinio professionalizzante presso il Programma per Disturbi del Comportamento Alimentare dell’ausl di Parma.

Il mio percorso formativo è stato indirizzato dall’interesse verso l’equilibrio psicofisico e il benessere della persona tenendo presenti sia gli aspetti individuali, sia quelli del contesto relazionale in cui è inserita. L’attenzione per una visione olistica del benessere dell’individuo e del disagio, che in alcuni casi può manifestare, mi ha condotto ad approfondire vari ambiti di studio, con uno sguardo sia alla prevenzione della sofferenza che alla cura.

Ho approfondito, inoltre, le tecniche di intervento meditativo, per la gestione dello stress e degli stati ansiosi, basate sul protocollo Mindfullness; ho preso parte ad un corso di Fototerapia Psicocorporea per lavorare in ambito psicoterapeutico usando le fotografie e le immagini. Il mio CV completo potete leggerlo su Linkedin.

Nel 2012 mi sono formata nell’ambito dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento frequentando il corso Tutor 2.0 presso l’Associazione Quisipuò di Parma ed ho svolto il tirocinio nei dopo-scuola AID della stessa città.

Sono referente dei laboratori “Metodiamoci” per le classi secondarie superiori presso la scuola Fra Salimbene di Parma, dove affianco ragazzi per lo sviluppo di un metodo di studio efficace ed individualizzato che, sulla base delle loro caratteristiche e potenzialità, gli consenta di raggiungere una graduale autonomia nel processo di apprendimento, anche attraverso l’utilizzo di strumenti compensativi.

In base alla mia formazione e alle mie attitudini personali svolgo questo lavoro con particolare attenzione agli aspetti psicologici ed emotivi connessi alle difficoltà specifiche dell’apprendimento, alla fase del ciclo di vita e alle dinamiche relazionali che caratterizzano l’apprendimento in un contesto di gruppo.